La nostra favola della buonanotte – con i Minions e Varta 2


La routine serale di Alessandro è cambiata da quando lo abbiamo spostato nella sua stanza.
Finché era in camera con noi si addormentava nel lettone o sul divano durante una coccola, ma da quando dorme nel suo lettino in cameretta, ho voluto introdurre qualche cambiamento.

Dalla nascita Ale ha dormito con noi, non proprio nel lettone per una questione di paura nostra di schiacciarlo, ma attaccato fisicamente al nostro letto con la culla Chicco Nex2Me, ho avuto la fortuna di non doverla comprare, ma è stato un prestito apprezzatissimo da parte di una amica, che ci ha reso davvero le cose semplici ed evitato una grande spesa.

Per noi lo spostamento in cameretta ha avuto diversi passaggi: ci abbiamo provato lo scorso anno, dopo le vacanze, intorno ai 7 mesi di Ale, con il classico lettino con le sbarre, i risvegli erano tanti, ma sopportabili finché io ero a casa dal lavoro, ma quando ad Ottobre sono rientrata erano ancora troppi per il mio bisogno di sonno, quindi abbiamo preso il lettino con le sbarre e lo abbiamo messo nella nostra stanza, a fianco del letto, così che io potessi infilare una mano per riaddormentarlo.

E’ rimasto con noi per tutto l’inverno e, questa estate, abbiamo iniziato a sospettare che il problema di Ale fosse quello di essere contenuto, si muove tantissimo nel letto e sbatteva continuamente contro le sbarre o i paracolpi, svegliandosi quindi spesso e mi è anche sembrato che fosse disturbato da noi, dai nostri spostamenti notturni nel letto o dal russare di mamma e papà, così ho pensato fosse nuovamente il momento di spostarlo in cameretta.

Online ho trovato tante foto e post sul lettino montessoriano, di fatto un lettino a terra, da cui il bambino può scendere e salire da solo e se dovesse cadere, l’altezza da terra non causerebbe una corsa in ospedale, mi ha incuriosito molto, così abbiamo deciso di provare questa strada. Inizialmente non ne eravamo pienamente convinti, quindi abbiamo cercato una soluzione di prova a costo zero, in soldoni abbiamo preso un materasso e lo abbiamo messo sul pavimento, poggiandolo su qualche vecchio lenzuolo.

Dopo la prima settimana i risultati sono stati subito stupefacenti, un solo risveglio a notte, due al massimo ed addirittura alcune notti di sonno filato senza mai svegliarsi, ok è la soluzione per noi!
Così la settimana successiva il papà ed il nonno si sono messi al lavoro per creare la struttura del letto, dei dettagli ed i materiali necessari per costruirlo, ve ne parlerò sicuramente più avanti in un post dedicato.

Da quando Ale è nella sua stanza la routine della nanna si è spostata tutta li, dopo cena, resta in cucina con noi mentre sistemiamo, qualche gioco in salotto con il papà, poi saliamo le scale, cammina (corre in realtà) fino al suo letto, ci si butta sopra in stile tuffo e si poggia sul cuscino. Io mi metto vicino a lui (abbiamo messo sul pavimento a fianco del letto un vecchio materasso da lettino, così che possa servire a noi per stare vicino e a lui come para cadute) e gli leggo la favola della buonanotte.

Abbiamo tanti libri in cameretta, molti dei quali sono “vintage“, miei o di mio fratello (i miei si riconoscono perché tutti prezzati in lire.. quelli di Fede sono già in Euro).
Le sue letture preferite prima della nanna sono tre, vi lascio qui sotto i titoli con il link diretto ad Amazon (sono sempre attenta a velocizzare i vostri tempi di acquisto):

  • TIRITERE: abbiamo acquistato questo libro quando Ale era ancora molto piccolo, le pagine sono rigide e plastificate quindi per il primo periodo si è divertito solo a sfogliarlo e guardare le immagini colorate e fantasiose, da quando abbiamo istituito il momento della favola della buonanotte, credo questo sia il suo libro preferito, sono piccole filastrocche in rima, ognuna con un tema differente della vita quotidiana,come il tempo che passa, il cielo, le stagioni, lui è sicuramente attratto dalle immagini, ma anche dalla cantilena delle parole, che spesso lo aiuta ad assopirsi.

  • TI REGALO LA LUNA : questa è una new-entry, un libro un po più impegnativo, che sicuramente ci porteremo dietro per diversi anni, per il momento gli piace molto guardare le illustrazioni e seguire la storia di Riccardo, che cerca in tutti i modi di raggiungere la luna, per regalarne un pezzo alla sua mamma. Un libro che parla di affetto, di relazioni e del coraggio che ci vuole per raggiungere un obiettivo che sembra impossibile, ma con la spinta e la fiducia degli altri è sempre un pò più vicino.

  • TANTE FIABE : qui siamo su un classicone, sono le fiabe della nostra infanzia, rivisitate e scritte in rima, illustrazioni colorate che fanno da accompagnamento e la possibilità, per me, di metterci anche un pò di interpretazione e dare il meglio di me, improvvisandomi narratrice. Quando faccio il lupo di cappuccetto rosso Ale si diverte sempre come un matto e devo ripetere due o tre volte quella strofa, amo così tanto vedere il suo sorriso prima di andare a letto.

A proposito di libri per bambini, voglio consigliarvi di seguire su Instagram il bravissimo Ugo Valentini, che ogni giorno propone tantissimi titoli per i nostri piccoli, non solo presentandoli, ma anche narrandone una parte, seguitelo anche nelle Intragram Stories, potrete addirittura fargli una richiesta personalizzata e vi darà il miglior consiglio. Mettetevi in contatto con Ugo anche tramite il suo blog www.ciaublog.blogspot.com.

Anche il tema illuminazione della stanza non è da sottovalutare: purtroppo, come me, Ale non riesce a dormire al buio e faccio un grande “mea culpa” perchè, a causa della mia volontà di riuscire sempre a vederlo nella notte, l’ho abituato a dormire con una piccola lucina accesa dietro al letto, ora abbiamo spostato la luce sulla porta della stanza, così da illuminare il corridoio che porta nella nostra camera, per evitare che si schianti rovinosamente contro il muro!

Ma questa luce soffusa non basta nel momento della favola della buonanotte ed anche se ho degli occhiali grandi grandi, dopo avergli letto per qualche sera una parola si e quattro no, abbiamo iniziato ad utilizzare la nostra avventurosa lanterna Varta dei Minions, la appoggiamo a terra, a fianco del lettura che abbiamo scelto ed Ale può guardare le illustrazioni mentre io gli leggo la storia. Devo dire che la Minions Lantern è anche molto comoda da tenere vicino durante un temporale, quando c’è il rischio che salti la luce me la porto dietro per tutta casa, fin davanti alla doccia, così da poter correre da Ale con la mia lanterna in mano se dovesse piombare il buio in tutta casa. Ha un manico per portarla in giro ed un gancio per poterla appendere alla maniglia della porta o della finestra.

Insieme alla lanterna abbiamo ricevuto da Varta anche la Minions Headlight, Ale è ancora troppo piccolo per indossarla, quindi al momento l’abbiamo messa in testa al nostro panda anzianotti, un Trudy d’annata che apparteneva alla mia mamma, ogni tanto la accendiamo mentre siamo in camere a leggere la nostra favola, per creare ancora più atmosfera. Questa luce da indossare credo sia favolosa, io l’ho provata subito e mi sono immediatamente sentita un Minions, credo che la utilizzerò io ancora prima di Ale, stavo pensando di metterla alla prova durante mie camminate mattutine, visto che quando esco alle 6:00 fà parecchio buio, ha una fascia in tessuto regolabile e lavabile.. ci sto facendo davvero un pensierino.. mi arresteranno credendomi una pazza che esce all’alba a camminare e si sente un Minions.

Dopo la ripresa del nido, Ale vuole che nel momento della nanna siamo presenti sia io che il papà e per il momento lo stiamo assecondando, lui è un coccolone ed il distacco al mattino lo sente davvero molto, quindi questo crediamo sia il momento migliore per una coccola di famiglia ed un pò di tempo insieme.

Qual’è la vostra routine della nanna? Avete qualche altro bel titolo da consigliarci?

N’oubliez pas de sourire et aimer.
Stefi

 

[Post in collaborazione]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “La nostra favola della buonanotte – con i Minions e Varta

  • Carla

    Cuao stef! È sempre piu piacevole leggerti! Bellussima l’idea del lettino montessoriano, . Gioele dorme nella sua cameretta da quando aveva 8mesi, ma le scapetelle nel lettone ci sono ancora, ora che ha 5anni. Anche noi abbuamo una lanterna, la torcia racconta storie, e il teatrino delle ombre con questi accessori i libri prendono vita, il nostro preferito da sempre è il gruffalo, te lo stra consiglio. Anche noi abbiamo tanti libri… la cosa ci sta sfuggendo di mano ma sono il opiu bell acquisto. bhe aspetto la foto con la torcia delle sei del mattino. A causa del mio telefono ho disinstallato snapchat , ma è un piacere seguirti qui , su facebook e ig. Un abbraccio #carla_mamma

    • chiacchieredicasa L'autore dell'articolo

      Ciao Carla!
      Scusami per il ritardo con cui ti rispondo, grazie per avermi raccontato la vostra esperienza con la nanna, consola davvero tanto sapere che a casa di tutte c’è una storia diversa ma per tanti versi molto simili. Un grandissimo abbraccio a te e Gioele