Le bianche margherite workshop – La magia del fil di ferro 4


 

Finalmente eccomi con il post sul workshop che si è tenuto a Modena il 19 Aprile nel meraviglioso negozio Olivia Brusca, di cui vi ho parlato di recente e da quel giorno è finito d’obbligo tra i miei posti del cuore.

Ho scoperto del workshop dai social, Instagram credo, seguivo Olivia Brusca da qualche tempo, l’ho scoperta tramite il profilo della sua amica Nanacea (che conoscevo da tempo sempre tramite IG) e quando ho visto che questo suo nuovo meraviglioso progetto ed era proprio a Modena non ho potuto che cliccare subito su SEGUI e tenermi aggiornata su cosa stesse combinando.

E così da quel click su IG siamo finalmente arrivati al primo workshop. Nel mezzo, l’avvio del meraviglioso angolo di magia di cui appunto vi ho parlato nel post sul negozio (lo trovate cliccando qui – http://www.chiacchieredicasa.com/olivia-brusca-magia-e-passione-nel-centro-di-modena/) ed appena scopro che il primo workshop è proprio quello di “le bianche margherite”, scrivo immediatamente a Jessica per chiederle info sul corso ed iscrivermi. Nonostante la sera prima so che parteciperò ad un addio al nubilato, non posso perdere l’occasione, quindi mando subito conferma di iscrizione e pagamento della quota, il mondo di Donata e del suo fildiferro lo conosco anche in questo caso tramite i social (sempre il buon caro Instagram) e da sempre sono incuriosita dalle sue creazioni e dalla favola che trasmette ogni sui intreccio di fildiferro.

Quindi domenica 19 ci troviamo tutte da Olivia Brusca alle 9.00, siamo in tutto 12 partecipanti.

DSC03104DSC03105

 

Sulla postazione di ognuna c’è il kit che ci servirà per le nostre creazioni, sicuramente rimarrà un dolce ricordo della giornata passata insieme e potremo utilizzarlo per conservare tutti gli schemi e gli appunti che oggi Donata ci lascerà.

DSC03063DSC03066DSC03068

 

Divise in due grandi tavoli in legno, con la supervisione sempre presente di Donata, iniziamo a creare.

Per prima cosa partiamo da un cerchio, con al centro la scritta “Love”… micca semplice eh! Nelle mani di Donata tutto sembra facile e la lavorazione di ogni tipo di fil di ferro sembra naturale 🙂
Si vari tipi, perchè prima di iniziare Donata ci racconta dei diversi tipi di fil di ferro che utilizzeremo, come ognuno è più adatto per una o un altra creazione, come lavorarli al meglio con le pinze, senza che questo si rovini ed ovviamente dove comprarli.
Finita la preparazione del cerchio, della scritta ed averli agganciati, mi resta un po di tempo e provo a replicarla in dimensione più piccola. Non un gran successo ma insomma iniziamo ad imparare…

DSC03069DSC03072DSC03075DSC03077DSC03081DSC03083

 

Non ci fermeremo micca ad un cerchio!? No no, passiamo al livello successivo: un cuore e stavolta la scritta sarà “reve”. Anche qui ho fatto la versione mignon ma con la scritta “home”, la vedrete alla fine con tutte le altre creazioni finite.

DSC03085DSC03089DSC03131

Tra una chiacchiera e l’altra noi continuiamo a creare e non ci fanno mancare nemmeno lo spuntino di metà mattina, il marito di Donata infatti ha preparato dei biscottini deliziosi e noi senza fare complimenti ce li sbaffiamo senza paura.. la creatività fà consumare energie evidentemente 😉

Dopo le varie forme, arriva anche il momento di imparare come si fanno gli stupendi e famosi fiori di “le bianche margherite” e anche qui, dopo aver visto Donata ed aver pensato “beh facile, ce la posso fare”, mi ingarbuglio tutte le mani, fino a non capire cosa ne sia saltato fuori, più che un mazzo di fuori sembra un traliccio della luce. Dei fiori, purtroppo o per fortuna non ho foto al momento della creazione, anche qui dopo vedrete il lavoro finito.

DSC03099DSC03107DSC03128

 

E’ ora della pappa, si perchè la meravigliosa idea di Jessica per questa giornata è di mangiare tutte insieme, ho trovato deliziosa questa pensata, abbiamo avuto modo di conoscerci un pò e fare quattro chiacchiere. Ma non una pizza da asporto eh… no no, Jessica ci ha preparato con le sue manine un buffet al piano superiore del negozio, in questo luminosissimo soppalco ci attendevano vasi bormioli preni di pasta fredda con pomodorini e olive e fragole per tutte!

DSC03120DSC03121DSC03122DSC03136

 

Ora, con la pancia piena, possono riprendere i lavori. Iniziamo non dal fil di ferro ma per il momento ci soffermiamo sulla carta, carta velina bagnata con acqua e caffè per renderla “anticata”, questa Donata l’aveva preparata e fatta ascuigare qualche giorno fà, così da portarcela già pronta per essere tagliata ed utilizzata. Con qualche cerchio di carta, la colla e la pagina di un vecchio libro, creiamo dei dolcissimi fiori da attaccare al cerchio ed al cuore creati in mattinata. Non possiamo incollarli subito perchè le opere di fil di ferro, per essere ancora più belle, dovranno subire un trattamento a casa, infatti appena attivate le metteremo a bagno nell’acqua per circa 1 giorno, poi per un altro le lasceremo asciugare (non ricordo se i tempi consigliati da Donata erano precisamente questi, ma io ho fatto così :)), quando saranno asciutti li spruzzeremo con uno spry plastificatore (si trova in ferramenta), che serve per fissare il lavoro ed evitare che toccandolo lasci giù la ruggine.

DSC03134DSC03148DSC03158

 

Prima di salutarci è il momento per imparare gli ultimi trucchi del mestiere, per esempio come fare le cornici con il motivo a spirale ed infine impariamo anche noi a creare i celeberrimi “omini”, che ama tanto chi segue le pagine di “le bianche margherite”, il mio non si vede benissimo in foto ma giuro che io ero super soddisfatta. Purtroppo nella confusione finale dei saluti l’ho perso e credo sia finito nei rifiuti, è stato un amore molto breve ma intenso insomma…

DSC03157

Prima di salutarci… CIIIIIIIS, super selfie 😉

DSC03154 DSC03155

Queste le mie creazioni con l’effetto ruggine e la patina plastificatrice:

DSC03320 DSC03323 DSC03324 DSC03327 DSC03328 DSC03330

 

Un grazie speciale a Donata, creativa sognatrice e donna dolcissima, ovviamente a Jessica, ma cara tu sai bene che quello è stato solamente l’inizio e a tutte le ragazze che hanno frequentato il corso, con molte sono iniziati i contatti sui social e speriamo di rivederci al prossimo corso tutte inisieme!

Se ancora non conoscete Donata e le creazioni de “le bianche margherite” andate subito su instagram @lebianchemargherite e sulla sua pagina Facebook.

Donata mi raccomando scrivi nei commenti le tue correzioni a qualsiasi castroneria io abbia detto nel provare a riportare un minimo delle procedure che ci hai insegnato, quindi prima di prendere in parola quello che vi ho scritto qui, controllate sotto se Donata aggiungerà qualcosa 😉

Cara Donata avevi proprio ragione, abbiamo imparato cos’è la magia del fil di ferro.

 

Ne oubliez pas de sourir et aimer.
Stefi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 commenti su “Le bianche margherite workshop – La magia del fil di ferro