Quello che porti all’asilo non torna mai indietro? Non con gli adesivi Petit-Fernand


Chi come me non vedeva l’ora di acquistare tutto il necessaire per l’inserimento all’asilo del proprio principe o principessa?
Ammetto che dal momento dell’iscrizione non vedevo l’ora di ricevere la lista e dovermi “purtoppo” tuffare nel negozio per bambini e riempire il carrello!

Eh però alla fine lo scontrino non è poi così leggero e tutto sto investimento rimarrà a mio figlio o lo utilizzerà tutto l’asilo?
Finchè, come nel caso di Ale, sono piccoli la responsabilità è tutta delle educatrici, o più amichevolmente Tate, ma quando si fanno più grandicelli sono loro a dover, per quanto possibile, tenere dietro alle loro cose.

A questo punto sarebbe facile generalizzare e con banalità affermare che qui per le mamme delle femmine diventa tutto più facile, mentre quelle dei maschi possono mettersi le mani nei capelli… ma non lo farò, mamma se mi stai leggendo giuro che non lo farò, perchè IO, proprio IO sono la persona meno adatta, visto che nella mia vita scolare e pre-scolare penso di aver perso, lasciato in giro e prestato senza chiedere indietro TUTTO.

Quindi passerò subito a raccontarvi la soluzione che ho pensato per Alessandro.
20170212_163134

Quando le Tate mi hanno consegnato la lista, al primo colloquio di presentazione, mi hanno detto che non sarebbe servito apporre il nome sui vestiti dei cambi, perché li tengono in apposite scatole IKEA nominative e non c’è rischio che li confondano, ma che avrei dovuto scrivere il nome su tutte le altre dotazioni che mi hanno richiesto come crema per il cambio, biberon, ciuccio, spry zanzare e fisiologica ed hanno aggiunto <<basta scrivere il nome con un pennarello>> … pronto!?!
Dici a me!?!
Ti sembro una che scrive così barbaramente il nome a pennarello o credi sia l’occasione per ordinare finalmente quelle etichette personalizzate stupende??

 

Ovviamente mi sono fiondata sul sito Petit-Fernand per ordinare l’ordinabile, per le etichette è possibile scegliere colorepattern di sfondo, font e colore della scritta ed anche il simbolo personalizzato per il nostro bimbo, io mi sono innamorata subito dei mustaches da hipster e li ho utilizzati per tutto il set che ho acquistato per Alessandro.

 

Andando sul sito potrete trovare tantissime tipologie di adesivi ed anche pacchetti già pronti per diverse occasioni, come asilo, scuola, gite etc che, oltre alla comodità di avere tutte le tipologie che possono servirvi, vi faranno risparmiare rispetto ad un eventuale ordine singolo. Io non vedevo l’ora di creare il mio termoadesivo personalizzato ma visto che per ora ad Ale non servono, mi sbizzarirò per la scuola materna dove, se ha preso dalla mamma, lascerà ogni giorno la felpa appesa all’attaccapanni.

20170212_162136

Le vostre etichette arriveranno in questo libricino, da tenere sempre a portata di mano, perché all’interno ci sono le dettagliate e preziosissime indicazioni per come utilizzare ed attaccare ogni tipologia di stickers.

20170212_162253

Queste sono solo alcune di quelle che ho preso per Ale e le adoro già tutte.

20170212_162312 20170212_162334

 

Ma Petit-Fernand non è solo adesivi, infatti, oltre a creare etichette per vestiti e qualsiasi altro oggetto dei vostri piccoli, potrete creare borracce e lunch box personalizzate, etichette per conserve, marmellate ed addirittura per le vostre bomboniere di battesimo o matrimonio… ma non finisce qui, un’altra chicca di Petit-Fernand, a cui non ho saputo resistere per la cameretta di Ale è il poster fluorescente.

20170212_162452

 

 

 

 

Disponibile in versione boy o girl, il nostro ci porta diretti in fondo al mare, di giorno ci fa compagnia una grande balena e tanti amici sul fondo del mare, ma con l’arrivo del buio spunta proprio sulla schiena del cetaceo un galeone tra le onde, perfetto per raccontare storie di pirati e bucanieri mentre aspettiamo l’arrivo di Morfeo.

 

 

 

 

 

Passate sul sito Petit-Fernand per dare un occhiata alle tantissime soluzioni che propongono e portare qualsiasi cosa all’asino non sarà più un problema.

 

N’oubliez pas de sourir et aimer.
Stefi

 

[Post in collaborazione]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *