Vasi che passione 8


Eccomi qui con il primo post, per rompere il ghiaccio mi faccio aiutare dai miei amati vasi, si perché ultimamente metterei in vaso anche i vestiti negli armadi se potessi!

Tutto è iniziato da un idea vista sul catalogo Ikea (fonte di ispirazione anche dopo mesi dall’uscita, quando già lo sai a memoria, sfogliandolo esce sempre quell’idea che non avevi notato prima), cercavo infatti un posto per i miei cerini  (le candele quelle piccole piccole)  e così mi è venuto in mente di avere in garage dei vasi Ikea che nella vecchia casa usavo per sale, zucchero e farina ed ho messo in disuso dopo la terza torta in cui ho messo il sale al posto dello zucchero, per passare a 2 vasi completamente differenti per i 2 ingredienti e messi in zone opposte della cucina. Tornando alle candele, sono andata a prenderli in garage (… impossibile, credo ci sia andato Luca) e ci ho sistemato i cerini in uno e le tart Yankee Candle negli altri 2… meraviglia! Ovviamente però le altre Yankee (i votivi, le candele piccoline per intenderci) non potevano restare chiusi in una scatola (seppur di Hello Kitty) in un mobile della sala… quindi!?!? Inizio a stressare Luca per andare all’Ikea e dopo qualche week end, assolutamente per sfinimento, mi ci porta e prendo un altro vaso della serie, ma più grande. Ora i 3 vasi pieni di candele sono sulla panca all’ingresso, eccoli:

DSC02843DSC02842DSC02846

Ma sei finalmente all’Ikea, nel bel mezzo del reparto pieno di sacchetti, sacchettini, vasi di mille forme e dimensioni: compri solo quello che ti serve? Assolutamente NO! Quindi non so resistere al fascino di uno stupendo vaso con il sottovuoto, quelli in cui la nonna teneva i biscotti ed i cereali, ma per metterci cosa? Boh a casa qualcosa troverò. E così è stato, era un po’ che volevo tenere le mie miracolose creme Just “a vista” ed eccole servite:

DSC02838DSC02837DSC02832

Ma può essere tutto qui? No ovviamente, infatti questo sabato durante “la spesa dei detersivi” da Tigotá ho avvistato un sacchetto di quei batuffoli di cotone colorati, incredibilmente anni ’90 e così dolci e morbidosi da non poter assolutamente lasciarli li (quanto costano? Non ne ho idea e credo di non averlo guardato: dovevo averli!). Arrivata a casa, il lampo di genio, la giara media Yankee Candle appena finita era perfetta, e a fianco della candela Ikea alla cipra poi, sembrano nate insieme:

DSC02826DSC02825DSC02829

Neanche da dire che sto già pensando a cosa mettere nel vaso della candela alla cipria appena finirà 😉 .

E con questo per il primo epocale post è tutto. Ma credete che con i vasi sia finita? Io no.

Ne oubliez pas de sourir e aimer.
A presto,
Stefi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 commenti su “Vasi che passione

  • Mammasonia

    Bellissimi….i batuffoli colorati un ricordo dolcissimo…. io nel vaso della candela cipria metto le mandorle e le nocciole…. anche se per,pochissimo perché in famiglia nessuno resiste….

    • chiacchieredicasa L'autore dell'articolo

      Eh colpa un po anche mia per le mandorle e le nocciole… io sto valutando di tenerlo in bagno con i campioncini di profumo! Mah… a breve aggiornamenti! :* :* :*

  • Stefania

    Grandissima Srefy, il tuo blog è bellissimo e i tuoi vasi anche, anch’io adoro i vasi!
    Ma poi le creme Just in vaso che classe!!! un applauso per te

    • chiacchieredicasa L'autore dell'articolo

      Grazie mille Stefy 😀 😀
      Beh le creme Just meritano la giusta mise en place.
      un bacione

      • fede

        Le creme just sono spettacolo… Ma anche io amo i batuffoli di cotone che mi ricordano tanto gli anni in cui bambina entravi in bagno e la mamma era davanti allo specchio che con il latte detergente si stava struccando!!!!! Bellissimo!!!!!!!
        Ma un vaso con tutti i tuoi fili da cucito? No? 🙂

        • chiacchieredicasa L'autore dell'articolo

          Si proprio la stessa scena della mamma che ho io ❤.
          ohhh grande idea quella dei fili,il prossimo vaso che si libera sperimento ✌
          Mhuá