Verza Express 6


Ohh finalmente si mangia!
Visto che questo è il primo post della sezione cucina ci tengo a dire subito che io non sono una cuoca o una aspirante Masterchef, ma solamente una persona a cui da sempre piace mangiare e da qualche anno si diletta ai fornelli con risultati non sempre da stella Michelin, ma non ho mai avvelenato nessuno (se sentiste Luca vi direbbe che mi è capitato spesso di carbonizzare diversi alimenti e l’ho avvelenato così :?).

Mi piace cucinare, ma quando mi ci metto perdo la cognizione del tempo e se inizio con i miei esperimenti rischio di fare notte (beh in realtà io non credo mia mamma mi abbia donato la cognizione del tempo, visto che vivo con 30 minuti di ritardo SEMPRE); per questo motivo cerco sempre piatti piuttosto veloci e non troppo elaborati, a parte rare volte in cui sabato o domenica pranziamo a casa e mi cimento in qualche preparazione più complicata (quasi mai visto che solitamente approfittiamo dei pranzi nel week end per passare un po’ di tempo con genitori e nonni).
Mangiamo a casa solamente alla sera, visto che per pranzo restiamo entrambi al lavoro, quindi sono sempre in cerca di ricette rapide da preparare, ma che non siano piatti pronti. Ovviamente anche io ricorro spesso al mitico amico Freezer, ma solamente per congelare piatti di verdura preparati da me (vellutate, tortini, sformati) o per congelare la carne che acquisto periodicamente in macelleria. Da qualche mese a questa parte, infatti, abbiamo abbandonato la classica spesa al supermercato in cui acquistavamo qualsiasi cosa alla Coop o Conad di turno, ma acquistiamo i prodotti in posti diversi e più specifici, per cercare la migliore qualità, stando anche attenti al prezzo (beh di questa cosa della spesa magari ne parleremo più avanti).

Come prima ricetta ho scelto una delle mie preferite, che a casa facciamo almeno una volta a settimana. È una ricetta che, già quando ero a casa con i miei, la mia mamma Sonia faceva spesso, ma che io solo ultimamente ho ricominciato a riproporre a casa mia : VERZA CON PROSCIUTTO COTTO!

INGREDIENTI:
– 6 hg di verza
– 2 hg di prosciutto cotto
– pecorino stagionato qb
– olio 2 cucchiai
– le spezie che preferite

DSC02858

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PROCEDIMENTO

Pulisco la mia bella verza (io stavolta ne ho 2 più piccole perché il mio banco Bio di fiducia, al mercato del sabato mattina, non ne aveva di più grandi), tolgo le prime foglie esterne che solitamente sono le più rovinate; inizio a staccarle una alla volta, tolgo con un coltellino l’anima centrale e la scarto, poi taglio la foglia a striscioline spesse circa un dito (per me la parte centrale è molto dura ed anche quando è cotta non si ammorbidisce più di tanto, quindi la tolgo, ma a chi dovesse piacere “il croccantino” può tenerla).

DSC02864   DSC02869   DSC02873

Prendo tutte le meravigliose striscioline e le lavo bene (Bio è sano e senza additivi chimici, ma la terra non manca).

DSC02877   DSC02880   DSC02882

Ora, senza scolarle particolarmente bene e assolutamente senza metterle nel gira insalata, tutto in padella, l’acqua di cui restano umide servirà per ammorbidirle in cottura ed evitare che si attacchino al fondo della pentola e si carbonizzino (cosa che ovviamente a me è successa).

DSC02892

Per la cottura io utilizzo la mia miracolosa Wok, credo la parte più miracolosa non sia tanto la pentola in se, sicuramente il fondo curvo aiuta a cuocere meglio ma la vera chicca è il coperchio, molto curvo e in vetro spesso, che permette al calore di circolare all’interno in modo incredibile ed in cottura si forma una condensa che fa cuocere in modo molto più “dolce” (ovviamente ho bruciato svariate cose nonostante la “dolcezza” del coperchio, ma in altre occasioni mi ha salvato). Ho provato anche il coperchio su altre pentole ed i risultati sono sempre all’altezza delle aspettative.

DSC02886   DSC02887   DSC02890

Prima di chiudere il coperchio ed accendere il fuoco metto sulla verza i miei 2 cucchiai di olio e le spezie, queste vanno molto a gusto personale, io metto sempre gommasio (che mi permette di evitare il sale), erba cipollina ed ultimamente mi ha preso il trip dei semi di papavero (colpa della mia amica FrancyBò) per finire aggiungo un mezzo bicchiere d’acqua.

DSC02897   DSC02899

Adesso è ora di chiudere il coperchio, posizionare la pentola sul fuoco grande con fiamma al minimo per circa 20 minuti, ogni tanto è meglio darci una mescolata e controllare se fosse necessario aggiungere un altro po’ d’acqua, per evitare che si attacchi è meglio sempre che non cuocia “all’asciutto”, ma che sul fondo ci sia mezzo dito d’acqua appunto.

DSC02914

Nel frattempo che la cena si cuoce…. via libera per stendere, fare la lavatrice, spolverare, stirare o, molto meglio, farsi una doccia con calma, sistemare le unghie o una bella maschera rilassante 😉

DSC02915
(qui mancano ancora almeno 10 minuti)

La cottura, a casa mia (e anche dalla mamma Sonia), è di 20 minuti solitamente, ma dipende molto dallo spessore delle strisce di verza, dalla pentola, dalla dimensione del fornello e dal coperchio appunto, ma vi accorgerete che la verza è pronta quando il colore sarà più spento e la consistenza sarà molto morbida.
E’ arrivato il momento di togliere il coperchio dei miracoli ed accendere la cappa (Luca qui sei assolutamente autorizzato a ridere, perché mi sono ricordata di scriverlo nel Blog ma a casa mi dimentico sempre di accenderla), lascio aperta 2 minuti la padella così che l’acqua rimasta evapori e nel frattempo mescolo per evitare che si attacchi.

DSC02928

Siamo quasi alla fine, aggiungo il prosciutto cotto, ultimamente preferisco tagliarlo con il trita tutto, per renderlo piuttosto fine ed amalgamarlo meglio con la verza, ma quando non lo avevo, tagliavo il prosciutto grossolanamente sul tagliere o con le mani direttamente sulla pentola ed era ottimo :P.

DSC02904   DSC02921   DSC02925

Ovviamente il prosciutto cotto può essere sostituito con qualsiasi ingrediente a piacimento, personalmente trovo super anche la versione con il tonno, buonissimo anche con lo speck (anche se in questo caso è meglio non esagerare con le spezie all’inizio perché risulta comunque molto saporito dal salume).

Prima di servirlo in tavola una spolverata di formaggio grattugiato, a noi piace molto con il pecorino stagionato, ma in mancanza di quello è ottimo anche con il parmigiano.

DSC02928   DSC02932   DSC02938   DSC02939

È pronto a tavola!!!!!!!!!

Questo è un piatto unico perfetto, da accompagnare solamente con un po’ di pane, grissini, cracker o taralli ma anche come contorno per una cena a base di formaggi o un riso basmati bianco con solo un filo d’olio.

Buon appetito, alla prossima.

Ne oubliez pas de sourir e aimer
Stefi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 commenti su “Verza Express